Contenuto riservato agli abbonati

Dall’archeologia alla solidarietà: il premio San Martino di Belluno va ad Aldo Villabruna

È lo scopritore dello scheletro del cacciatore della Val Rosna. Da tempo è impegnato nel Terzo Mondo nel supporto agli ospedali

BELLUNO. «Ancora non capisco cosa ho fatto di straordinario per meritarmi un così onorevole riconoscimento». Aldo Villabruna, premio San Martino 2021, si schermisce. Ma la telefonata con cui ieri gli è stato annunciato il riconoscimento non è arrivata alla persona sbagliata.

Da appassionato di archeologia ha realizzato una delle scoperte più importanti degli ultimi decenni, quella dello scheletro del cacciatore preistorico della Val Rosna.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori

Video del giorno

'Harlem', parlano le attrici della serie tv: "I nostri personaggi rivoluzionari"

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi