Contenuto riservato agli abbonati

«Basta cemento sulle Dolomiti»: in 400 protestano sfilando a Cortina

«Nel nome delle Olimpiadi c’è un assalto alla montagna».Nel mirino pista da bob, carosello e strutture ricettive

CORTINA. Una magnifica giornata di sole, cielo blu terso, e colori autunnali da lasciare gli sguardi attoniti, un clima di festa, di unione per un unico scopo: dire no all’assalto alla montagna. Questa la cornice che ieri ha raccolto a Cortina oltre 300 persone, secondo i dati della Questura, 400 per gli organizzatori, per la manifestazione “Non nel mio nome. No all’assalto alla montagna” organizzata dalle associazioni ambientaliste.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori

Video del giorno

Un F-35 della Marina inglese non riesce a decollare dalla portaerei e si schianta in mare

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi