Contenuto riservato agli abbonati

Infermieri dal Marocco e automazione: così la casa di riposo bellunese tampona la mancanza di personale

Le strategie della Sersa. I sindacati: servono però politiche nazionali, non si può solo corre dietro l’emergenza

BELLUNO. Case di riposo costrette a strategie “fantasiose” per risolvere la carenza di infermieri. Sta diventando sempre più una emergenza grave quella della mancanza di professionisti sanitari nelle strutture per anziani. Da una parte ci sono i numeri chiusi universitari che riducono sempre di più l’entità di queste figure, dall’altra ci sono i concorsi e gli avvisi dell’Ulss che vanno a strappare, per la maggior parte alle rsa, questi professionisti, ma c’è anche chi tra gli operatori sanitari decide di cambiare mestiere, andando a lavorare in fabbrica.

Un

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori

Video del giorno

Un F-35 della Marina inglese non riesce a decollare dalla portaerei e si schianta in mare

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi