Contenuto riservato agli abbonati

Longarone, cadono sassi sulla provinciale: «Verificate le rocce con i droni»

A Soffranco c’è preoccupazione per le condizioni della parete sopra il paese. «Abbiamo paura, con l’inverno i distacchi di materiale saranno più frequenti»

LONGARONE.  A Soffranco cadono sassi sulla Sp 251 dalla parete di roccia che sovrasta l’abitato e i residenti chiedono che si faccia qualcosa, andando almeno a verificare la situazione con i droni. Perché non finiscono sulla strada solo pietre di piccole dimensioni ma anche pezzi di roccia pesanti.

La preoccupazione della cinquantina di residenti del borgo è stata affidata ad una lettera che mette in evidenza «il pericolo che incombe sopra gli automobilisti che percorrono la Sp 251 nel tratto Igne-Soffranco».

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori

Video del giorno

Un F-35 della Marina inglese non riesce a decollare dalla portaerei e si schianta in mare

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi