Croce Verde, nuova sede ma problemi vecchi: «Difficile coprire i turni»

Il presidente Murer ringrazia il Comune di Falcade per la struttura «Però a novembre andremo incontro a una serie di disservizi» 

L’EVENTO

Sede nuova, problemi vecchi. La Croce Verde Val Biois ha traslocato nei nuovi locali acquistati dal Comune di Falcade per garantirle un sito più adatto per svolgere al meglio il fondamentale servizio di urgenza/emergenza H24 con le ambulanze. Tuttavia a novembre resteranno scoperti molti turni.


«Abbiamo provveduto a trasferire la nostra sede nel nuovo immobile concesso dal Comune di Falcade e che si trova in via degli Artigiani 5/7», dice il presidente della Croce Verde, Stefano Murer, «ma al momento ci sarà solo il trasferimento delle ambulanze e degli equipaggi di servizio, in quanto gli interventi per adattare l’immobile al nostro uso non sono ancora stati completati. Una volta terminati, si presume per la primavera 2022, provvederemo a fare l’inaugurazione ufficiale».

Murer ringrazia nuovamente il Comune di Falcade per la sensibilità dimostrata verso l’associazione.

«Da sempre», sottolinea, «il Comune ci supporta con la concessione gratuita degli immobili di servizio, senza i quali non potremmo operare in quanto sono funzionali all’autorizzazione all’esercizio. Nel 1982», continua Murer, «alla nascita della Croce Verde Val Biois, il comune di Falcade ha messo a disposizione un locale nella mansarda del municipio e un garage; in seguito, nel 1989, ha messo a disposizione l’attuale sede con relativa rimessa veicoli. Ora ci offre la nuova sede rispondente a tutte le normative di sicurezza e di comfort per i volontari di servizio».

Il presidente della Croce Verde annuncia che, contestualmente al trasferimento nella nuova sede, quella attuale verrà liberata nei prossimi mesi. L’associazione manterrà in uso la rimessa di Pisoliva per il ricovero del mezzo in servizio ai volontari di Caviola e delle frazioni limitrofe. A fronte di questa buona notizia, ce n’è però un’altra che ricorda come non sarà la nuova sede a risolvere i problemi delle diverse “Croci”.

«Purtroppo», dice Murer, «il calendario del mese di novembre presenta una serie di disservizi dovuti in parte alla carenza di volontari, in parte all’applicazione del decreto legge 127/2021 (che istituisce l’obbligo di Green Pass, ndr)».

La Croce Verde, infatti, non sarà in grado di garantire l’equipaggio in emergenza 118 allertato dal Suem di Pieve di Cadore venerdì 5 novembre dalle 6 alle 20; dalle 6 di sabato 6 novembre alle 6 di venerdì 7 novembre; dalle 20 di martedì 9 novembre alle 6 di mercoledì 10 novembre; venerdì 12 novembre e sabato 13 novembre dalle 6 alle 20; dalle 20 di mercoledì 17 novembre alle 6 di giovedì 18 novembre; dalle 20 di giovedì 18 novembre alle 6 di venerdì 19 novembre; dalle 20 di domenica 21 novembre alle 20 di lunedì 22 novembre; sabato 27 novembre dalle 6 alle 20; dalle 20 di domenica 28 novembre alle 20 di lunedì 29 novembre.

«Speriamo», conclude Murer, «di riuscire a coprire queste giornate». —

G.san.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Video del giorno

Dopo l'eruzione del vulcano sottomarino, a Tonga le onde colpiscono la costa

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi