Contenuto riservato agli abbonati

Il direttore non è vaccinato: a Belluno chiusa la farmacia Veneggia

Il cartello affisso sulla porta della farmacia Veneggia, chiusa al pubblico

L’attività non sarà operativa almeno per una settimana. Chi ha farmaci in giacenza li può ritirare

BELLUNOLa farmacia Veneggia resterà chiusa almeno una settimana. Ieri mattina è comparso un cartello sulla porta dell’attività in via degli Agricoltori: “Farmacia chiusa forzatamente dall’Ulss per la nostra volontaria non adesione alla campagna vaccinale”. Un cartello incollato appena sotto avvisa i clienti che chi avesse bisogno di ritirare farmaci in giacenza può suonare il campanello.

A spiegare la motivazione che sta dietro la chiusura dell’attività è una delle titolari, Cristina Muratore: «Se in una farmacia non c’è un direttore vaccinato, l’Ulss non consente di tenere aperto», spiega.

Video del giorno

C'era una volta il ghiacciaio della Marmolada: il nostro videoreportage in elicottero

Insalata di quinoa con ceci, fagiolini, cetrioli, more e noci con salsa al cocco e curry

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi