Belluno, contagi record: incidenza di 90,7 nuovi casi per 100 mila abitanti, la media italiana è 60

In una settimana i positivi sono saliti a  281, in quarantena 876 persone. Appello dell’Ulss: “I numeri stanno salendo, vaccinatevi”

BELLUNO.  Balzo in avanti dei contagi in provincia di Belluno nella settimana dall’1 al 7 novembre. I dati arrivano dalla direttrice generale dell’Ulss 1 Dolomiti, Maria Grazia Carraro che oggi, lunedì 8 novembre, ha dato alcune cifre dell’epidemia in provincia.

Nella settimana appena conclusa sono stati 281 i nuovi casi, mentre in quarantena sono finite 876 persone. Questo significa che l’incidenza, cioè i nuovi casi per 100 mila abitanti è schizzato a 90,7, ben al di sopra di quella nazionale che è pari a 60,9 nuovi positivi ogni 100 mila abitanti.

Ad essere più colpiti sono i bellunesi tra i 45 e i 64 anni, seguiti da quelli tra i 25 e i 44 anni ed infine tra la popolazione under 14. “i, che significa che ad essere colpiti dal virus oggi sono le fasce di popolazione che meno hanno risposto alla campagna vaccinale”, ha detto la dg Carraro.

Sul fronte dei contagi, l’Ulss evidenzia come i nuovi contagi riguardino lo 0,05% della popolazione vaccinata, mentre sale allo 0,21% tra quelli non vaccinati.

Anche nelle case di riposo si iniziano a registrare i primi positivi: dopo il caso della rsa di Lamon dove ci sono sei ospiti contagiati e quattro operatori, a Belluno, Pullir, Longarone, e Limana le prime positività sono state riscontrate sugli operatori.

In forte aumento anche i tamponi eseguiti per il Green pass sia dai Covid point dell’Ulss che dalle farmacie.

Sul fronte delle terze dosi, la campagna procede soprattutto tra il personale sanitario, u super fragili e gli ospiti delle rsa. Quasi ferme, invece, le somministrazioni di prime dosi.

"Di fronte a questa ripresa dei contagi l’unica arma ad oggi efficace, come hanno evidenziato i numeri resta il vaccino, ma non dobbiamo abbassare la guardia nemmeno nel rispetto delle regole anti Covid che ci invitano ad indossare la mascherina, ad evitare gli assembramenti, a igienizzare le mani e ad arieggiare gli ambienti in cui si soggiorna. Di fronte abbiamo la stagione invernale che per la nostra provincia è importante: facciamo tutti la nostra parte”, lancia l’appello la dg Carraro. 

Video del giorno

Il supercomputer più veloce del mondo di Meta-Facebook

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi