Contenuto riservato agli abbonati

I vescovi di Belluno e di Vittorio in piazza per difendere il lavoro in Valbelluna

Il vescovo di Vittorio Veneto Corrado Pizziolo (al microfono) e quello di Belluno Renato Marangoni (poco dietro) durante la manifestazione per Acc del 2019

Il sit-in di sabato a Mel raccoglie consensi. La nota delle diocesi: «Serve ogni sforzo per salvare queste realtà produttive, riconoscendo in esse la condizione per garantire il futuro di queste terre, già pesantemente segnate da fenomeni emigratori da parte di coloro che rappresentano le migliori e più giovani risorse».

BORGO VALBELLUNA. I Vescovi di Belluno e Vittorio Veneto al fianco dei lavoratori e delle istituzioni preoccupati per le due grandi crisi industriali della Valbelluna: Acc e Ideal Standard. «La prospettiva di una imminente chiusura degli stabilimenti delle due aziende, che tocca da vicino la vita di circa 800 persone con le relative famiglie e il tessuto produttivo ed economico della Valbelluna, rappresenta per tutto il territorio un fatto grave, fonte di apprensione e di disagio sociale, destinato a crescere qualora ogni sforzo di mediazione dovesse risultare vano – si legge in una nota congiunta –  Anche le due Chiese diocesane, con i loro pastori, sentono e condividono la preoccupazione per la precarietà e l’incertezza di una soluzione che, nonostante i numerosi ed...

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori

Video del giorno

Quirinale, la rabbia di Renzi contro il centrodestra: "Sono irresponsabili, basta bambinate"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi