Morta travolta da un’auto a Fonzaso, individuato il pirata della strada

La Ford Fiesta responsabile dell’incidente è di un 25enne del posto. Il giovane ha sostenuto di avere colpito qualcosa ma di non essersi reso conto che si trattasse di una persona, anche perché sulla strada non c’era nulla, se non lo specchietto e alcuni pezzi di carrozzeria

FONZASO. La sera di lunedì 15 novembre l’investimento mortale lungo il rettilineo strada della zona industriale di Fonzaso costato la vita alla 63enne Emilia Santurini, martedì attorno all’ora di pranzo l’individuazione del pirata della strada, un ragazzo di 25 anni residente in paese. E’ sua la Ford Fiesta rintracciata rapidamente dai carabinieri di Feltre, che sono riusciti a risolvere in poche ore un caso che rischiava di farsi intricato.

La donna, abituata alle passeggiate all’ora di cena, era stata investita lunedì tra le 19 e le 20. Il suo mancato ritorno a casa aveva mobilitato i famigliari che prima l’hanno cercata per conto loro, e poi hanno chiesto aiuto a vigili del fuoco e carabinieri. Le ricerche non avevano prodotto risultati in quanto nel violento impatto il corpo minuto di Emilia Santurini era stato sbalzato oltre la ringhiera che delimita la strada dalle pertinenze della ditta Mauser. E’ stata una dipendente dell’azienda a rinvenire il corpo senza vita della donna alla riapertura mattutina.

Il 25 enne, interrogato dai carabinieri, ha sostenuto di avere colpito qualcosa ma di non essersi reso conto che si trattasse di una persona, anche perché sulla strada non c’era nulla se non i pezzi di carrozzeria che aveva perduto. I destini del giovane ora sono affidati alla magistratura di Belluno. L’ipotesi di accusa è omicidio stradale e omissione di soccorso. Nel frattempo la salma della donna è stata posta asotto sequestro e sarà sottoposta ad autopsia.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Appendino assolta piange di gioia: "Ero in buona fede, vicenda dolorosa ma oggi c'è solo da festeggiare"

Barrette di ceci, cioccolato fondente, mandorle e uvetta

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi