Contenuto riservato agli abbonati

Trecentomila euro di straordinari: l’offerta dell’Ulss di Belluno ai medici di guardia

Il piano dell’azienda per tappare le falle del sistema. Solo tre medici di ruolo su 21, i posti scoperti sono 27

BELLUNO. Dopo il patto con i medici di famiglia, l’Ulss 1 Dolomiti, per tamponare le gravi carenze di medici in grado di coprire i turni di guardia medica, ha deciso di rinnovare il patto-accordo valevole dal primo settembre al 31 dicembre 2021 aumentando gli incentivi per chi deciderà di accollarsi qualche ora in più di lavoro.

Nell’Ulss 1 Dolomiti ad oggi operano 21 dei 48 medici di continuità assistenziale e di questi soltanto tre hanno un incarico definitivo.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori

Video del giorno

Arabba, gattisti al lavoro per preparare le piste

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi