Contenuto riservato agli abbonati

Il prezzo dei farmaci mette ko i genitori bellunesi: l’Immacolata aiuta oltre cento famiglie

Due volontarie della Farmacia dell’Immacolata raccolgono i giocattoli

In aumento le richieste al servizio dedicato ai più piccoli. «Almeno 10 casi nuovi ogni mese, serve il sostegno di tutti»

BELLUNO. Sono sempre più numerose le famiglie bellunesi che chiedono aiuto al servizio di Farmacia dell’Immacolata di Belluno per ricevere farmaci per i loro bambini.

«Significa che le situazioni di povertà in provincia aumentano giorno dopo giorno», sottolinea Giorgio Corradini D’Elia, che insieme alla moglie Serena manda avanti il servizio farmaceutico di via San Gervasio.

«Riceviamo una decina di segnalazioni di nuovi casi ogni mese, due-tre a settimana», spiega Corradini D’Elia.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori

Video del giorno

Covid, Brusaferro: "Ecco le differenze tra l'epidemia oggi e un anno fa senza vaccini"

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi