Contenuto riservato agli abbonati

Belluno, mancano cinquecento lavoratori stagionali: alberghi e impianti di risalita in difficoltà

Manifesti, avvisi radio e cartelli testimoniano la fame di personale, sistema messo in crisi dal forfait del personale straniero

BELLUNO. “Cerco proprio te” spara un grande cartellone, installato a bordo strada fra Candide e Dosoledo. La firma è della società “3 Zinnen”, che apre le prime piste già dopodomani, nella vicina Val Pusteria, ma è ancora alla ricerca di personale. «Lo siamo un po’ tutti, non solo gli impiantisti – spiega Daniele Zandonella, gestore dell’Albergo bellavista di Dosoledo –. Da settimane sto cercando una cameriera e un aiuto cuoco, ma non li trovo.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori

Video del giorno

Covid, Brusaferro: "Ecco le differenze tra l'epidemia oggi e un anno fa senza vaccini"

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi