Contenuto riservato agli abbonati

Il masso, il timore di altri crolli: Gena alta resta isolata

Da un anno incombe sulla sp2 e rende impossibile anche a piedi raggiungere la piccola frazione. Il sindaco De Bon: «Mani legate: competente è la Provincia»

SOSPIROLO. Il sasso non si sposta. E meno male, verrebbe da dire, perché ha dimensioni ciclopiche e ci mancherebbe altro che riprendesse la propria corsa verso la strada della Valle del Mis. Però, al tempo stesso, ora la preoccupazione riguarda il versante da cui è partito, che necessita di una messa in sicurezza o quanto meno di un approfondito controllo. Ma, al momento, non vi sono notizie di lavori imminenti e tutto questo lascia perplesso chi frequenta la zona, e soprattutto i possessori di seconde case a Gena Media e Gena Alta.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori

Video del giorno

Tutto calcolato, tra il superyacht e il ponte ci sono solo 12 centimetri

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi