Contenuto riservato agli abbonati

A Belluno l’ambulanza resta senza medici. L’Ulss ricorre a una cooperativa

Stefano Da Rin Puppel

In Cadore da inizio mese il servizio non ha più professionisti. Fino al 31 gennaio turni coperti dalla Altavista di Modena

BELLUNO. È emergenza medici anche sulle ambulanze e le automediche del servizio di emergenza del Pronto soccorso dell’ospedale di Pieve di Cadore. Tanto che l’Ulss 1 Dolomiti si è vista costretta, ancora una volta, a ricorrere al personale di una ditta esterna.

Desta sempre maggiori preoccupazioni la mancanza di figure professionali del comparto sanitario in provincia di Belluno. La difficoltà a reperire medici, infatti, inizia a pesare (e non poco) sulle attività sanitarie del territorio.

La

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori

Video del giorno

Adolescenti in crisi dopo due anni di isolamento, lo psicologo: "La pandemia passa, il trauma resta"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi