La rabbia degli imprenditori bellunesi: «Non pagheremo per gli errori degli altoatesini»

Cresce la paura per il ritardo delle linee guida dello sci. Impiantisti e albergatori: «La situazione ci preoccupa»

BELLUNO. Monta l’insofferenza tra gli operatori del turismo invernale. Da giorni attendono il decreto del ministro della salute per capire quali saranno le linee guida da applicare nelle ski area e nelle altre attività. La delusione in serata si è materializzata nelle parole di Sergio Pra, albergatore e, al tempo stesso, presidente di “Alleghe Funivie”. «Roma sappia che le Dolomiti bellunesi non sono l’Alto Adige.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori

Video del giorno

Tutto calcolato, tra il superyacht e il ponte ci sono solo 12 centimetri

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi