Contenuto riservato agli abbonati

Turismo, imprenditori in rivolta: «Senza regole siamo bloccati»

Nel frattempo i cannoni cominciano a sparare: «Speriamo bene, la neve artificiale ha costi altissimi»

BELLUNO. Spariamo la neve o aspettiamo che arrivi quella naturale in modo da evitare un bagno di sangue? Bagno di sangue? Sì, perché alcuni operatori non vorrebbero sparare la neve, spendendo fior di quattrini (il costo dell’energia è aumentato del 40%), e poi trovarsi in zona gialla, dal 6 dicembre, con la necessità di contingentare i posti (al 50%) ed escludere i tamponandi.

«Non

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori

Video del giorno

Adolescenti in crisi dopo due anni di isolamento, lo psicologo: "La pandemia passa, il trauma resta"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi