Contenuto riservato agli abbonati

Le casette del brulè con il nodo Green pass: a Belluno il Comune si interroga

A breve il confronto con le autorità sull’ultimo decreto  che consente alcune attività soltanto a vaccinati e guariti

BELLUNO. Green pass base o rafforzato? Tornelli o controlli fra gli avventori? Sono tanti i nodi da sciogliere per garantire l’apertura delle casette del brulè in piazza dei Martiri. A Palazzo Rosso è aperto il dibattito, perché l’ultimo decreto approvato dal consiglio dei Ministri introduce una nuova forma di certificazione verde: il Green pass rafforzato, che dà accesso ad alcune attività di svago solo a persone vaccinate o guarite dal Covid da non più di sei mesi.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori

Video del giorno

Adolescenti in crisi dopo due anni di isolamento, lo psicologo: "La pandemia passa, il trauma resta"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi