Contenuto riservato agli abbonati

Obbligo del vaccino, l’allarme dei presidi bellunesi: «Rischiamo le cattedre vuote»

I prof no vax dal 15 dicembre non potranno più insegnare: «Siamo preoccupati, la situazione è molto complicata»

BELLUNO. «Temiamo di rimanere con molte classi scoperte, cioè senza docenti». È questo il timore che attanaglia i dirigenti scolastici della provincia di Belluno, alle prese, a partire dal 15 dicembre, con l’obbligo di vaccinazione per tutto il personale scolastico. Una disposizione contenuta dall’ultimo decreto del governo che, tra le categorie costrette a sottoporsi a vaccino per lavorare, ha introdotto docenti e forze dell’ordine.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori

Video del giorno

Adolescenti in crisi dopo due anni di isolamento, lo psicologo: "La pandemia passa, il trauma resta"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi