Contenuto riservato agli abbonati

Dai nuovi Maestri del lavoro la spinta nel periodo più buio: 17 i premiati

Consegnate in prefettura le Stelle al Merito per il contributo dato alle imprese. Il prefetto Savastano è fiducioso: «Stiamo lentamente uscendo dalla crisi»

BELLUNO. «Un premio per chi ha dato forza alle aziende anche in un momento difficile come questo». La cerimonia in Prefettura che ha visto conferire le “Stelle al Merito del lavoro” a 17 lavoratori bellunesi è stata particolarmente sentita dai partecipanti e fortemente influenzata dal particolare periodo storico che stiamo attraversando: «Tradizionalmente è il primo maggio la data nella quale rendere omaggio ai maestri del lavoro, ma la pandemia non ci sta facendo vivere un momento facile», ha spiegato il prefetto Mariano Savastano, «ho sempre pensato che accentrare premiazione dei Maestri del lavoro nel capoluogo di regione avesse poco senso, perciò sono contento che vengano celebrati in quel territorio che hanno collaborato a far crescere».

L’importanza

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori

Video del giorno

Adolescenti in crisi dopo due anni di isolamento, lo psicologo: "La pandemia passa, il trauma resta"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi