Vandali all’Itis di Feltre, 400 studenti a casa

Al Negrelli  rotti vetri,  rovesciati armadi e svuotati estintori: impossibile fare lezione. Raid anche alla media Rocca 

FELTRE. I bidelli e gli insegnanti arrivati stamattina, lunedì 24, all’Itis Negrelli hanno trovato la scuola devastata: vetri spaccati, armadi rovesciati, i cristalli dei distributori automatici infranti e gli estintori svuotati, con la polvere bianca sparsa ovunque. E i 400 ragazzi circa arrivati alla sede centrale  dell’istituto al Boscariz  hanno dovuto fare marcia indietro, mentre i carabinieri effettuavano un primo sopralluogo assieme al personale scolastico. 

Uno schiaffo alla città e alle istituzioni scolastiche proprio nel giorno dedicato alla legalità e ai valori della cittadinanza con l’incontro con Giuseppe Costanza, l’autista di Falcone sopravvissuto all’attentato di Capaci. L’incontro era previsto proprio nella palestra del Negrelli: è stato trasferito in fretta e furia nell’aula magna del Colotti.

La scoperta di quella che il preside del Negrelli-Forcellini,  Alessandro Bee, definisce «una devastazione» è stata fatta di prima mattina, quando bidelli e insegnanti sono arrivati prima della campanella per aprire la scuola e iniziare le lezioni. L’atrio di ingresso era coperto di polvere bianca degli estintori, mentre la vetrata dello sportello didattica, all’ingresso della scuola, era stata fracassata. Al personale è bastato un rapido giro all’interno dell’edificio per capire che i vandali, nel fine settimana, avevano scorrazzato liberamente, facendo danni anche al piano superiore. 

I vandali se la sono presa con i vetri ma anche con le sedie, rovesciate e buttate a terra, con i computer e le attrezzature tecnologiche e con i distributori automatici di merendine e bibite, spaccati e buttati a terra. «Hanno rotto la teca dove sono conservate le chiavi delle aule», spiega il preside Bee, «e con quella sono entrati in una aula dove hanno buttato a terra un computer portatile. Poi hanno dato una “zampata”, si vede ancora il segno della scarpa, «sullo schermo touch di una Lim portatile. Hanno aperto gli estintori e sparso polvere ovunque, a parte nella sezione nord, e hanno appiccicato in giro degli adesivi tecnici, di conversione tra pollici e centimetri, che probabilmente hanno trovato in qualche laboratorio. Non c’è stato nessun furto, solamente devastazione».

Un gesto gratuito e dalle conseguenze pesantissime, dunque, sul quale sono ora i carabinieri della stazione di Feltre a portare avanti gli accertamenti. Non si tratterebbe, in ogni caso, di una “vendetta” per qualche risultato non gradito degli scrutini, visto che gli esiti del primo quadrimestre al Negrelli-Forcellini non sono stati ancora pubblicati.

Un analogo raid, dalle conseguenze però più limitate, è stato messo a segno alla scuola media Rocca: i vandali si sono introdotti nella scuola, hanno rovesciato degli armadi con materiale didattico ed hanno spaccato alcuni vetri, probabilmente colpendoli a pallonate. Bidelli e docenti sono riusciti a rimettere tutto in ordine e le lezioni si sono svolte regolarmente.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Fast and Furious, ora si fa sul serio: la sfera gigante sventra il bus in corso Fiume

Insalata tiepida di cous cous con ceci neri, cipollotti e tonno

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi