Contenuto riservato agli abbonati

Incendio di Longarone, rubinetti chiusi da Ponte a Fiammoi

Undici punti di prelievo per il campionamento dell’acqua. Sotto stretta osservazione anche le reti a Zoldo e Longarone

LONGARONE. Non potabile: non è utilizzabile l’acqua che esce dai rubinetti di Ponte nelle Alpi, rione Santa Caterina compreso, e delle frazioni del capoluogo di Fiammoi, Safforze e La Rossa, tutte servite dall’acquedotto Rio dei Frari. Puzza di fumo per effetto dei residui di combustione dell’incendio di Fortogna che hanno contaminato alcune sorgenti che alimentano l’acquedotto. Bim Gsp e Ulss hanno deciso di continuare giornalmente le analisi per capire quando tornerà la potabilità e soprattutto se quella che arriva nelle case ha altri tipi di contaminazioni.

Sotto

Video del giorno

Vigo di Cadore, l'imponente frana vista dal drone di Veneto Strade

Risotto integrale al limone con crudo di gamberi e pomodorini al timo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi