Contenuto riservato agli abbonati

Feltre, dalla sofferenza di Vittore e Corona il seme di speranza per dire no alla guerra

Il richiamo del vescovo Marangoni ai numerosi fedeli presenti per «abbandonare le recriminazioni distruttive»

FELTRE. Un appello alla pace, a quella interiore e a quella internazionale, nel segno della ripresa a tutto campo, è l’appello che il vescovo Renato Marangoni ha lanciato ieri dall’àmbone della basilica Santi Vittore e Corona per la ricorrenza della festa dei patroni di Feltre. Un santuario gremito dentro e fuori, per la strada che porta al Miesna dove già di primo mattino i fedeli hanno raggiunto il luogo simbolo della cristianità feltrina per ricevere la benedizione.

La

Video del giorno

Vigo di Cadore, l'imponente frana vista dal drone di Veneto Strade

Risotto integrale al limone con crudo di gamberi e pomodorini al timo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi