Belluno, convenzione con l’Ana: farà parte del dispositivo di protezione civile

L’accordo ha la durata di un anno, gli alpini potranno essere impiegati anche per le manifestazioni con molto pubblico

BELLUNO. E’ stata sottoscritta ieri mattina, a Palazzo Rosso, la convenzione tra il Comune di Belluno e l’Associazione Nazionale Alpini – Sezione di Belluno, per il servizio di protezione civile in caso di emergenza pubblica. La convenzione, che avrà la durata di un anno, rinnovabile di un ulteriore uguale periodo, è stata approvata dalla delibera di Giunta comunale n. 76 dello scorso 26 aprile.

La normativa in vigore in materia di Protezione civile stabilisce che spetta ai Comuni dotarsi di un'adeguata struttura operativa che, in presenza di eventi calamitosi naturali, riesca a prestare i primi interventi di soccorso. In questo contesto, il Comune di Belluno dispone di un apparato organizzativo, strutturato secondo le normative nazionali e regionali, come stabilito nel vigente Piano Comunale di Protezione Civile. La Sezione Alpini di Belluno dispone di un Nucleo di volontariato di Protezione Civile, inserito nella struttura di Protezione Civile facente capo alla Associazione Nazionale Alpini, che ha anche sottoscritto un Protocollo d'intesa con la Regione Veneto per le attività di Protezione Civile svolte dalle Sezioni ANA, in sinergia con la struttura di Protezione Civile regionale. La sottoscrizione della convenzione con il Comune di Belluno si inserisce nella valutazione dell’opportunità di poter disporre di personale volontario addestrato, in grado di intervenire con efficacia.

Grazie alla convenzione, quindi, in caso di “emergenza pubblica” il Nucleo di Protezione Civile dell'ANA – Sezione di Belluno farà parte del sistema di protezione civile comunale e sarà anche disponibile a intervenire, su richiesta dell'Amministrazione Comunale, per i cosiddetti “eventi a rilevante impatto locale”, ovvero quegli eventi che possono comportare grave rischio per la pubblica incolumità, in ragione dell'eccezionale afflusso di persone, ovvero della scarsità o insufficienza delle vie di fuga.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Giornata contro l'abbandono degli animali, il video della polizia racconta il dramma dei cani

Risotto integrale al limone con crudo di gamberi e pomodorini al timo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi