Contenuto riservato agli abbonati

Ricatto a luci rosse al sacerdote feltrino: «Paga o dico tutto»

Una foto simbolo di un parroco

Un parrocchiano finisce a processo per il reato di estorsione. Minacciò il prete di chiamare un giornale per gli «atti osceni»

FELTRINO. Estorsione a luci rosse al prete. Un parrocchiano avrebbe ricattato quello che - in termini ecclesiastici - si chiama collaboratore dell’unità pastorale di un paese del Feltrino.

Il cittadino serbo Bajram Zivolji è accusato del reato di estorsione, continuata e tentata, aggravata.

L’uomo non è comparso nell’udienza di smistamento di mercoledì  davanti al Tribunale di Belluno, ma c’era il suo difensore Monica Casagrande, che ha preso nota di due date: il 22 giugno ci sarà il giuramento del perito Rosa Sansone per la trascrizione delle intercettazioni telefoniche; il 12 ottobre partirà il processo con l’audizione dei primi testimoni del pm Roberta Gallego.

Video del giorno

Giornata contro l'abbandono degli animali, il video della polizia racconta il dramma dei cani

Risotto integrale al limone con crudo di gamberi e pomodorini al timo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi