Contenuto riservato agli abbonati

Salite e cime epiche: da Merckx a Pantani a Contador: il Fedaia fa la storia del Giro

Sulle montagne bellunesi imprese che restano negli annali. Le pendenze del passo Croce d’Aune portarono a inventare il cambio

IL RACCONTO.In principio furono Merckx e Gimondi, poi venne il tempo dell’indimenticato “pirata” Marco Pantani fino ad arrivare ai giorni di Alberto Contador. Il passo Fedaia ha scritto pagine di storia del ciclismo in rosa. E con esso altre grandi salite che dal 1940 ad oggi caratterizzano ogni anno la grande corsa a tappe. Campioni di ieri e di oggi che si inchinano di fronte alla maestosità delle Dolomiti bellunesi.

Video del giorno

Vigo di Cadore, l'imponente frana vista dal drone di Veneto Strade

Risotto integrale al limone con crudo di gamberi e pomodorini al timo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi