Contenuto riservato agli abbonati

Un “cecchino” per combattere i tumori: inaugurato il nuovo acceleratore lineare

Il presidente della Regione Veneto Luca Zaia di fronte al nuovo acceleratore lineare all’ospedale di Belluno

Maggiore precisione e meno sedute per i pazienti. Zaia: «Qualità delle cure e servizi: siamo eccellenti dove possiamo»

BELLUNOUn cecchino al posto di un carrarmato. È il paragone usato dal presidente della Regione Luca Zaia per spiegare una eccellenza della sanità bellunese, utilizzata solo in poche altre strutture del Veneto per combattere alcuni tipi di tumore (prostata e mammella ad esempio).

Costato 1,9 milioni di euro, è stato inaugurato giovedì il nuovo acceleratore lineare che consente una maggiore precisione nel distruggere le cellule tumorali e per ridurre gli effetti collaterali delle radiazioni e un numero minore di sedute, questione non secondaria in una provincia in cui gli spostamenti sono difficili per i pazienti e le famiglie.

Il

Video del giorno

L'animazione di un ghiacciaio che muore: Marmolada 1880-2015

Insalata di quinoa con ceci, fagiolini, cetrioli, more e noci con salsa al cocco e curry

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi