Bollette troppo care, Belluno al buio tutte le notti per risparmiare

Il Comune spegnerà tutti i lampioni dalle 2.30 alle 5 del mattino. Si valuta di interrompere l’illuminazione anche nelle gallerie

BELLUNO. Non ci sono più soldi. Le bollette dell’energia elettrica sono sempre più costose, e il Comune di Belluno ha deciso di intervenire con una misura drastica: luci spente su tutte le strade e le piazze tutte le notti, dalle 2.30 alle 5. La misura sarà in vigore fino al 15 settembre. 

La decisione di ampliare la misura già messa in atto dall’amministrazione Massaro è stata assunta in giunta, e potrebbe essere seguita da ulteriori decisioni in merito all’illuminazione delle due gallerie, Belluno e Maraga, che costano al Comune 100 mila euro all’anno.

«Con lo spegnimento di 1982 punti luce già messo in atto dall’amministrazione Massaro si otteneva un risparmio in bolletta del 26%», spiega il vice sindaco e assessore al bilancio, Paolo Gamba, «con questa nuova misura molto di più ed è quello che ci serve in questo momento; siamo riusciti ad estenderla a tutti i 6400 lampioni della città perché abbiamo installato in tutti gli orologi per la programmazione. L’intenzione è di proseguire così fino al 15 settembre, dopo valuteremo la situazione e capiremo se proseguire o interrompere».

Nel frattempo è allo studio anche la possibilità di spegnere l’illuminazione per tutto il giorno e per tutta la notte nelle due gallerie, informando gli automobilisti con apposita segnaletica all’ingresso. Le luci all’interno dei due tunnel, infatti, costano complessivamente all’anno circa 100 mila euro, spesa che il Comune vorrebbero cercare di abbattere.

«Sono misure necessarie», commenta il sindaco, Oscar De Pellegrin, «pensate per ottenere massimi benefici limitando al minimo, allo stesso tempo, i disagi ai cittadini. So bene che non sia bello avere per alcune ore la città al buio, ma occorre stringere la cinghia adesso per non trovarci ancora in maggiore difficoltà tra qualche mese quando, sembra, i costi dell’energia potrebbero ulteriormente aumentare».

La produzione di energia è, secondo l’amministrazione, la via da imboccare per dare ossigeno alle casse comunali. Gli uffici stanno infatti valutando diverse ipotesi, per installare pannelli fotovoltaici sul tetto dei magazzini comunali di Marisiga e alla discarica di Cordele. La speranza è quella di riuscire a intercettare fondi e concretizzare i progetti il prima possibile. «E’ importante che i cittadini abbiano piena consapevolezza della situazione, difficile, in cui ci troviamo», prosegue il vice sindaco. «Le misure che saranno attivate serviranno ad assicurare i servizi essenziali alla comunità, cerchiamo di comportarci come dei buoni padri di famiglia, in grado di sostenere le spese e di creare economie. Quello del fotovoltaico è un primo passo da attuare il prima possibile, ne seguiranno altri. Siamo arrivati tardi? Spero di no, io sostengo la necessità di diminuire le spese correnti da anni, già da quando sedevo nelle file del Consiglio comunale».

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Salute mentale, Lillo: "Se chiedi aiuto non sei 'matto'"

Focaccia con filetti di tonno, cipolla rossa e olive

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi