Kompatscher, in tre tempi l’incontro in Magnifica

PIEVE DI CADORE. La montagna e i suoi problemi saranno al centro della visita speciale che il presidente dell’Alto Adige, Arno Kompatscher, farà dopodomani a Pieve. Nel corso della visita, promossa...

PIEVE DI CADORE. La montagna e i suoi problemi saranno al centro della visita speciale che il presidente dell’Alto Adige, Arno Kompatscher, farà dopodomani a Pieve. Nel corso della visita, promossa dalla Magnifica, il presidente alle ore 19 sarà intervistato pubblicamente in Magnifica da Bepi Casagrande sul tema: “Il presidente dell’Alto Adige Arno Kompatscher e le scelte politiche a servizio della montagna”. L’incontro si inserisce nell’ambito delle iniziative in vista delle elezioni amministrative che coinvolgeranno 14 dei 22 Comuni del Cadore. L’incontro si svolgerà in tre tempi: nel primo l’ospite illustrerà la situazione dell’Alto Adige, che ha un territorio in gran parte simile a quello dell’alta provincia di Belluno. In una fase delicatissima come l’attuale, nella quale ben 14 Comuni stanno predisponendo liste e programmi per le Amministrative del 25 maggio, dall’esperienza di Kompatscher i candidati potranno prendere spunti per far sì che i programmi che saranno presentati in campagna elettorale siano omogenei e tengano conto anche delle esigenze più aderenti alla realtà del territorio dolomitico. La seconda parte verterà sulle motivazioni che hanno indotto Kompatscher, avvocato di successo, a mettersi al servizio della sua gente. Sarà sollecitato a spiegare quale senso viene ad avere oggi – secondo lui – lo spirito di servizio e come può riacquistare credibilità la politica. Ci saranno poi le domande dedicate alla montagna. In questa occasione il presidente della Provincia di Bolzano spiegherà le strategie da adottare per affrontare la problematicità del viverci e illustrerà le priorità delle scelte politico- amministrative adottate dall’Alto Adige. Sarà possibile dialogare anche su problemi inerenti i referendum. L’intervista con Kompatscher rappresenta un’occasione interessante anche per mettere a fuoco i rapporti dell’Alto Adige con i territori confinanti della provincia di Belluno, a cominciare proprio dal Cadore. (v.d.)

Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi