NON SPRECARE

Più medicine per tutti? Si può fare

Consumiamo 1.500 dosi al giorno e spesso li lasciamo invecchiare nel cassetto. Ma nel 2020, l'anno orribile del Covid-19, sono almeno 434 mila gli italiani che non hanno potuto permettersi neppure un farmaco. Per fortuna c'è il Banco farmaceutico, ma non basta. Tutte le puntate
2 minuti di lettura

In Italia si consumano oltre 1.500 dosi di medicinali al giorno ogni mille abitanti, e di queste confezioni il 72% sono a carico del Servizio sanitario nazionali. Viziati da uno Stato sociale molto generoso e poco capace di controllare come vengono spesi i suoi soldi, gli italiani non hanno mai perso l’abitudine di essere dei consumatori compulsivi di farmaci. Almeno sulla carta, in quanto poi le pillole non finiscono alla destinazione giusta.

Entriamo in una farmacia, facciamo una bella scorta come se le nostre medicine dovessero finire da un momento all’altro, iniziamo la cura, e poi lasciamo marcire le scatole dei farmaci in qualche cassetto. Risultato: più della metà delle confezioni, secondo un’indagine dell’Istituto Mario Negri, non sono utilizzate del tutto e il 40% della spesa farmaceutica si riferisce a medicinali non consumati. Uno spreco assoluto.

Inutile nascondere la verità sotto il tappeto: il gigantesco spreco dei farmaci conviene a tutta la filiera di un’industria che non conosce la parola crisi. Le aziende farmaceutiche continueranno sempre a fare confezioni large, con le quali i margini di guadagno sono più alti. I medici prescrivono a volontà, per stare più tranquilli con le loro terapie non sempre azzeccate. E i farmacisti non sembrano interessati a ridurre un consumo compulsivo che andrebbe contrastato alla radice e invece fa cassa.

La conferma di questo infernale meccanismo fatto di sprechi a catena, arriva dall’uso molto modesto che facciamo dei farmaci generici. Appena il 14% del totale, rispetto al 50 per cento di paesi dove certo l’assistenza sanitaria non è trascurata, come la Germania e l’Olanda. Noi, in quanto a pillole, siamo quelli del made in Italy, e preferiamo la confezione di marca, il brand del medicinale rimborsato da Pantalone.

Poi, come sempre quando si tratta di sprechi, c’è l’altro lato della medaglia. Ovvero i 434 mila italiani che nel 2020 non hanno potuto permettersi neanche l’acquisto di un medicinale con il pagamento del ticket. Zero assoluto, proprio nell’anno orribile del Covid-19, quando un minimo di prevenzione farmaceutica è stata necessaria, ma non possibile per tutti. L’unico argine a questa forma di separatezza assoluta tra la stragrande maggioranza degli italiani che sprecano i medicinali e una minoranza che non ha un centesimo per poterli acquistare, è l’esperimento di una piccola rete di volontari. Sono i 450 farmacisti che aderiscono al progetto del Banco farmaceutico (li trovate tutti, divisi per regione, sul sito Bancofarmaceutico.org): accettano di recuperare medicinali non scaduti e contenuti in confezioni integre che poi distribuiscono a una settantina di enti assistenziali, dove un medico si occupa di prescriverli a persone bisognose. "Abbiamo un aumento esponenziale delle richieste, ma gli enti assistenziali che possono raccogliere i nostri medicinali e distribuirli alle famiglie indigenti sono ancora troppo pochi. Forse bisognerebbe coinvolgere il Servizio sanitario nazionale…" spiega Giuliano Salvioni, presidente del Banco farmaceutico di Milano e provincia.

In realtà a essere pochi non sono soltanto gli enti assistenziali, e sicuramente un progetto così importante avrebbe tutt’altra forza se fosse in qualche modo supportato dal Servizio sanitario nazionale, che ha le strutture territoriali per recuperare medicinali integri e non scaduti. All’appello però mancano anche i farmacisti: i 450 coinvolti dal Banco farmaceutico sono una minoranza assoluta rispetto ai 17.000 punti vendita in tutta Italia. Perché così poca voglia di collaborare? Pigrizia o altro? Intanto solo per i medicinali legati a patologie cardiovascolari, la spesa pro-capite degli italiani è di 53,6 euro. Pillole che spesso finiscono nel cestino dell’immondizia.

Nonsprecare.it