Inquinamento

Pfas, la denuncia nel Veneto: "Veleno negli alimenti coltivati, serve monitoraggio"

Dalle falde acquifere alla catena alimentare. Secondo Greenpeace e Mamme No Pfas, gli esiti del monitoraggio in Veneto rivela la presenza di inquinanti: "Mancano dati su coltivazioni"
4 minuti di lettura

Sostanze invadenti, che rimangono a lungo nell'ambiente e sono ubiquitarie. Una condanna per chi vive nelle loro vicinanze. Riuscire a fermarle sembra impossibile, anche quando la battaglia viene fatta con armi legali, carta su carta. Il veleno continua a rimanere e a compiere la sua condanna nonostante tutti ormai ne conoscano i rischi. I Pfc, composti poli e per fluorurati, conosciuti anche come Pfas, hanno generato un inquinamento diffuso delle acque potabili e di falda, oltre che dell'aria, della polvere, dei terreni.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori