Riscaldamento, con il Superbonus 110% installare un sistema in pompa di calore conviene e aiuta l’ambiente

Il riscaldamento residenziale è responsabile del 64% delle emissioni di PM2,5, del 53% di PM10 e del 60% di CO2. Con il bonus 110 per la climatizzazione invernale si risparmia in bolletta e si abbattono le emissioni nocive
3 minuti di lettura

Si parla tanto del traffico stradale come causa principale dell'inquinamento nelle nostre città. In realtà le automobili rappresentano solo la punta dell'iceberg: secondo il recente studio sulla decarbonizzazione dei sistemi di riscaldamento realizzato da Elemens per Legambiente e Kyoto Club, "in Italia il riscaldamento degli edifici residenziali, commerciali e pubblici pesa sulle emissioni di CO2 per oltre il 17,7%". Il riscaldamento residenziale, da solo, è responsabile del 64% delle emissioni di PM2,5, del 53% di PM10 e del 60% di CO2, soprattutto nelle città del Nord Italia. A conferma dell'impatto del riscaldamento domestico sulla qualità dell'aria, uno studio dell'ARPA ha messo in luce come, in Lombardia, durante il lockdown del 2020, e quindi con una mobilità veicolare sensibilmente ridotta, la quantità di PM10 presenti nell'aria siano diminuite appena del 17%, a causa di un utilizzo maggiore dei sistemi di riscaldamento in casa.

Il surriscaldamento globale non aspetta, è ora di intervenire in maniera decisa. E grazie al Superbonus 110%, la sostituzione dell'impianto di riscaldamento domestico con un sistema eco-friendly in pompa di calore per aria e acqua è addirittura conveniente. Installando un impianto di climatizzazione invernale firmato dal brand giapponese Hitachi Cooling & Heating, infatti, non solo si potrà usufruire del bonus 110% per l'efficientamento energetico, ma si otterrà anche un bel taglio della bolletta energetica fino al 65% rispetto all'uso di generatori a combustibile fossile.

Facciamo un esempio: in un appartamento di circa 150 mq - in classe G e zona climatica E - con fabbisogno di riscaldamento di 213,23 kWh/m2 anno, l'uso della pompa di calore Yutaki S di Hitachi Cooling & Heating può far risparmiare in bolletta fino oltre 1000 € rispetto a un impianto a gas metano di tipo C. Inoltre, la nuova serie Yutaki R32 di Hitachi Cooling & Heating in classe A+++ rappresenta una gamma di sistemi in pompa di calore aria e acqua tra le più estese sul mercato con soluzioni adatte al settore residenziale, commerciale e terziario. Combina le performance del compressore Scroll DC Inverter Hitachi al refrigerante R32 che riduce del 68% il valore del Global Warming Potential (GWP), del 24% il volume della precarica di gas all'interno dei vari sistemi e del 75% le emissioni di CO2, garantendo sempre prestazioni al top.
 

Il controllo smart dei sistemi in pompa di calore Hitachi Cooling & Heating è garantito dall'App HiKumo che permette una gestione completa e intuitiva da smartphone e tablet e dalla nuova generazione di controller LCD, unico per tutta la gamma. Il design premiato con l'European Product Design Award e l'interfaccia grafica semplice e intelligente, rendono veloci e immediati l'impostazione di temperatura e velocità, la programmazione di orari di funzionamento e modalità operativa e il monitoraggio dei dati di consumo energetico giornalieri. Grazie al software Hitachi Cooling & Heating installato nel nuovo controller, è inoltre possibile fare una stima dei consumi.

 

E in più, Hitachi Cooling & Heating offre una garanzia di 4 anni su tutti i componenti della gamma Heating Solution.

Il Superbonus 110% - marzo 2021 per il riscaldamento rientra negli interventi di efficientamento energetico "previsti dall'articolo 14 del decreto legge n. 63/2013, nei limiti di spesa previsti per ciascun intervento di efficienza energetica dalla legislazione vigente, eseguiti congiuntamente ad almeno uno degli interventi di isolamento termico delle superfici opache o di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti [...]", come si legge nella guida dell'Agenzia delle Entrate. E si può fare quasi a costo zero. Oltre alla fruizione diretta della detrazione, è possibile infatti optare per un contributo anticipato sotto forma di sconto in fattura o per la cessione del credito corrispondente alla detrazione spettante.

"Il Superbonus 110% è una sfida importante per il mercato italiano. Oltre a coinvolgere diversi attori e a risollevare alcuni comparti economici, può finalmente traghettare il Paese verso la svolta green, rendendo le nostre abitazioni più efficienti" - ha dichiarato Samuel Sala, Product Manager Hydronic Solution per l'Italia di Hitachi Cooling & Heating -. Ristrutturare il parco edilizio del territorio italiano grazie a questo contributo economico potrà inoltre permetterci di rispettare le direttive ambientali imposte dall'Unione europea e raggiungere il traguardo previsto per il 2030 dal PNIEC, il Piano Nazionale Integrato per l'Energia e il Clima 2030".

 

Possono beneficiare dell'ecobonus: condomini; persone fisiche che possiedono o detengono l'immobile oggetto dell'intervento; persone fisiche proprietarie (o comproprietarie con altre persone fisiche) di edifici costituiti da 2 a 4 unità immobiliari distintamente accatastate; Istituti autonomi case popolari (Iacp) o altri enti "in house providing"; cooperative di abitazione a proprietà indivisa; Onlus, associazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale; associazioni e società sportive dilettantistiche, limitatamente ai lavori destinati ai soli immobili o parti di immobili adibiti a spogliatoi. Per accedere all'agevolazione c'è tempo fino al 30 giugno 2022.

 

Maggiori informazioni sul sito ufficiale Hitachi Cooling & Heating