In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Le frittelle di cavolo e speck

Le frittelle di cavolo e speck
Ricordano i pancakes, ma sono italianissime e racchiudono il sapore dell'autunno di casa nostra
1 minuti di lettura

Queste frittelle sono un ottimo antipasto - o contorno goloso, anche per le tavole festive, oltre che un modo furbo per far mangiare il cavolo anche ai bambini più recalcitranti. Le frittelle di cavolo e speck sono infatti piccole, ricordano nella forma i pancakes e risultano dorate e saporite, nel perfetto equilibrio tra la sapidità dello speck e delicatezza dell'ortaggio, da scegliere rigorosamente nella varietà cavolfiore, in quanto tutte le altre assorbirebbero troppo olio. Se non vi piace, potete sostituire con patate o carote, mentre per la birra, vi basterà scegliere una lager e metterla in frigo almeno un'ora prima di preparare le vostre frittelle di cavolo e speck. 

 

Frittelle di cavolo e speck: la ricetta 

 

Ingredienti (per 4 persone): 
500 gr di farina 00 
800 gr di cavolo
300 gr di speck tagliato grosso
1 lt di acqua frizzante 
200 ml di birra 
2 patate medie 
1 lt di olio di semi di girasole



Procedimento: 
Come prima cosa pulite il cavolo togliendo le foglie più esterne, quelle più dure o danneggiate, poi fatelo bollire in abbondante acqua salata per 10 minuti, in modo che cominci a cuocere ma mantenga una certa callosità. Scolare e mettere da parte.



Nel frattempo prendete un recipiente capiente, una ciotola di quelle grandi andrà benissimo, e predisponete in necessario per preparare la pastella. Versare la farina come base e poi subito dopo la birra, con l'attenzione di prenderla ben fredda di frigo; mescolare bene con una frusta - manuale o elettrica non fa differenza, mantenere nel secondo caso una bassa velocità -. Aggiungere un cucchiaino di sale e l'acqua frizzante sino a raggiungere la consistenza desiderata, che dovrà essere il più liquida possibile. 



Tagliare a listarelle di massimo 1 cm lo speck, stando attenti a non eliminare il grasso. A questo punto preparare il cavolo appena scottato tagliandolo in maniera sottile fino quasi a ottenere un trito, ogni strisciolina dovrà avere non più di mezzo centimetro di spessore. Aggiungere entrambi gli ingredienti alla pastella precedentemente preparata e mescolare energicamente fintanto che tutto non si sia ben amalgamato. 



Prendere per friggere una casseruola e non un padella, perché i bordi più alti permetteranno una cottura più uniforme. Versare l'olio e portarlo a temperatura. Calare poi nell'olio con un cucchiaio da brodo piccole quantità di pastella fino a esaurimento del composto; ogni frittella dovrà cuocere due minuti per lato ed è preferibile voltarla con due cucchiai, in modo che si riesca a essere più delicati possibili. Una volta cotte, tirarle su con un mestolo forato e poggiarle su carta per fritti. Servire ben calde.