In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Marianna Triasko, l’ucraina residente in Italia morta per difendere il suo Paese

Aveva due figli di 10 e 14 anni e si era arruolata nell’esercito di Kiev come infermiera volontaria, lasciando la famiglia nel Trevigiano

Aggiornato alle 1 minuto di lettura

Creato da

Era un’infermiera. E una mamma. E probabilmente prima di quest’anno non aveva mai abbracciato fucile. Ma quando è iniziata l’invasione russa si è fatta coraggio ed è andata a combattere per il suo Paese, fino alla fine. Marianna Triasko, ucraina residente in Veneto da 14 anni, è morta in combattimento a soli 37 anni. Era tornata nel suo Paese, l’Ucraina, un mese dopo l'inizio del conflitto, arruolandosi nell'esercito come infermiera volontaria.

(ansa)

Originaria di Ivano-Frankivsk, risiedeva a Villorba, nel Trevigiano, ed era sposata con un italiano. Aveva due figli di 10 e 14 anni. Aveva detto alla sua famiglia di essere partita per il suo Paese come volontaria della Croce Rossa e l'ultimo scambio di messaggi con la sorella è avvenuto due giorni prima il suo decesso. Secondo quanto si apprende, Marianna è stata ferita il 23 a Zaporizhzhia, o nelle vicinanze, dove prestava servizio presso un locale ospedale civile o un ospedale da campo. Era verosimilmente inquadrata nell'unità A7166 della Difesa Territoriale dell'Esercito ucraino. Gravemente ferita sul campo a causa di colpi di mortaio, per circa due giorni i medici hanno cercato di fare l'impossibile per salvarle la vita, ma la donna non ce l'ha fatta.

«Voleva essere utile ai nostri militari e all'Ucraina», ha raccontato una sua amica, rivelando che Marianna dopo avere visto in televisione che c'era carenza di personale medico in Ucraina, non ha avuto alcuna esitazione a lasciare tutto e partire. «Ricordo il nostro primo incontro, parlava molto e sorrideva tutto il tempo, come se non avesse paura. I suoi fratelli erano orgogliosi di lei. Era sempre preoccupata per il loro benessere, sapeva come incoraggiare le persone».

In molti nel suo villaggio – che si trova nella regione di Ivano-Frankivsk – continuano a conservare un bel ricordo di lei. «Marianna è cresciuta qui, è andata a scuola, poi ha lavorato in un ospedale locale, faceva il medico - precisa un suo conoscente al sito ucraino news.obozrevatel.com -. Circa 14 anni fa è andata a vivere e lavorare in Italia. Le sue due sorelle e la madre vivono lì, mentre suo fratello in Germania». In base a quanto riportano alcuni media ucraini, il corpo della giovane sarà presto consegnato e sepolto nella sua terra natale.

I commenti dei lettori