L’Italia supera le 15 milioni di vaccinazioni, in arrivo 54 milioni di dosi nei prossimi tre mesi

Nel mondo i contagi sono 141 milioni. Negli States si decide su Johnson & Johnson venerdì. Gran Bretagna e Israele fanno le prove di ripartenza, venerdì in Italia 356 mila somministrazioni: il massimo dall’inizio della campagna vaccinale

È stata superata quota 15 milioni di vaccinazioni. Lo fa sapere la struttura del commissario Francesco Figliuolo. Alle 15.20 di oggi il sistema di monitoraggio ha rilevato il dato di 15.099.777 somministrazioni dall'inizio della campagna vaccinale: l'87,2% delle dosi consegnate alle Regioni è stato utilizzato. È in corso la distribuzione delle oltre 400 mila dosi di vaccino Moderna arrivate ieri sera all'hub nazionale di Pratica di Mare.

****Iscriviti alla newsletter Speciale coronavirus

In arrivo 54 milioni di dosi di vaccino

«L'Italia riceverà nei prossimi tre mesi dalla Ue 54 milioni di vaccini dei quattro finora approvati, cioè tre volte di più di quelli ricevuti finora». Lo ha detto il commissario per il mercato interno Thierry Breton, intervistato da Fabio Fazio a Che tempo che fa. «Ciò - ha aggiunto Breton - permetterà di arrivare a vaccinare il 70 per cento degli adulti entro luglio».

L’Umbria record

L'Umbria è la regione italiana con la maggiore percentuale di dosi di vaccini anti Covid inoculate (rpt inoculate) in base ai dati aggiornati dal Governo al pomeriggio del 18 aprile. Ne sono state infatti somministrate 236.547 delle 256.465 finora fornite, il 92.2%. Meglio del Veneto, 92 per cento, e della media nazionale, 87,2%. Riguardo alle somministrazioni per categorie, in Umbria al primo posto figurano gli ultraottantenni con 93.914. 

I contagi nel mondo

La pandemia di coronavirus, intanto, registra quasi 141 milioni di contagi in tutto il mondo e supera i 3 milioni di morti, secondo il bilancio dell'università John Hopkins che ha conteggiato oltre mezzo milione di nuovi casi nelle ultime ore. Sono esattamente 3.011.043 i decessi ora registrati e 140.735.224 i contagi dall'inizio della pandemia, lo scorso anno. Gli Stati Uniti, dove l'epidemia è in frenata per l'effetto della campagna vaccinale che ha assicurato almeno una dose di vaccino a metà della popolazione adulta, rimane il Paese più colpito, con 31,6 milioni di casi e 567mila morti. È invece in avanzata l'epidemia nel secondo Paese più colpito, l'India, che continua a registrare record quotidiani di oltre 100mila casi al giorno, ed è arrivata a 14, 7 milioni di casi e 177mila morti. In Brasile sono 13,9 milioni i contagi e 371mila i morti. Terzo per numero dei morti è il Messico, 212mila. 

La decisione su Johnson & Johnson negli Stati Uniti
Anthony Fauci prevede che entro la fine della prossima settimana sarà ripresa la somministrazione del vaccino Johnson&Johnson negli Stati Uniti. «Non voglio anticipare il comitato consultivo del Cdc e della Fda, ma immagino che vedremo un ritorno con qualche forma di avvertimento o di restrizione» ha detto il virologo americano intervistato dalla Cnn, rispondendo a chi gli chiedeva se pensa che il comitato sulle vaccinazioni prenderà l'attesa decisione nella riunione convocata per venerdì prossimo: «Credo che per allora avremo una decisione - ha detto - ripeto non voglio anticiparli, ma continuo a ricevere questa domanda. Penso che torneremo ad usare questo vaccino in qualche forma, ma spero che non avremo altri rinvii oltre venerdì, abbiamo bisogno di una decisione in un senso o in un altro». Riunito mercoledì scorso, il comitato non ha preso una decisione chiedendo più tempo per studiare i sei casi di trombosi gravi che hanno colpito donne a cui era stato somministrato il vaccino.

Il nuovo Astrazeneca contro la variante sudafricana
Una nuova versione del vaccino Astrazeneca fatta su misura per combattere la variante di coronavirus documentata per la prima volta in Sudafrica potrebbe essere pronta per la fine del 2021. L’ha detto Sarah Walters, country manager di AstraZeneca in Austria, al quotidiano Kurier: gli studi, finora, che indicano che il vaccino AstraZeneca esistente era meno efficace contro la variante più infettiva documentata per la prima volta in Sud Africa. Sui ritardi nelle consegne Walters ha dato la colpa al «complesso processo» di produzione di un vaccino, unito alla domanda estremamente elevata derivante dalla pandemia di coronavirus: «Abbiamo dovuto lavorare senza tenere una scorta di riserva. Siamo fiduciosi che rispetteremo il nostro impegno di consegnare 300 milioni di dosi all'Unione europea quest'anno". L'UE ha messo un'etichetta di avvertimento sul vaccino sul suo possibile collegamento a coaguli di sangue estremamente rari, la Danimarca ha completamente eliminato l'uso del vaccino e la Gran Bretagna ha consigliato alle persone sotto i 30 anni di ottenere un'altra marca di vaccino.

India, quarto giorno di fila con il record di contagi. Gran Bretagna e Israele, prove di ripartenza
Trema l’India, che per il quarto giorno consecutivo segna un record di contagi con 261.500 nuovi casi e la capitale New Delhi è in lockdown da ieri. I numeri a livello globale terrorizzano, con il massimo storico di nuovi casi toccato venerdì (829.596 contagi in 24 ore) e quota 3 milioni di vittime della pandemia in totale. Ma c’è chi, come Gran Bretagna e Israele, sta ripartendo in sicurezza e può permettersi di fare le prove per un vero ritorno alla normalità. Oltremanica, invece, è stato confermato il concerto senza distanziamento sociale né mascherine come evento-pilota del piano del governo britannico per uscire dalla pandemia. Circa 5mila persone a Liverpool potranno godere dello spettacolo della band Blossoms a Sefton Park (che a regime può ospitare 7.500 persone) il 2 maggio a patto di presentare un test al Covid-19 negativo. Gli spettatori dovranno sottoporsi a un test rapido, che mostra il risultato in 30 minuti, in un centro allestito sul posto prima dell'ingresso, stando a quanto riferito dal Dipartimento per il digitale, la cultura, i media e lo sport. Ai partecipanti verrà anche chiesto di fare un test dopo il concerto e dovranno fornire i dettagli di contatto al sistema sanitario nazionale (Nhs) per garantire di potere essere contattati nel caso di esiti positivi ai test.

Israele, niente mascherina all'aperto: le prove di normalità, ma al chiuso rimane obbligatoria

In Israele un altro grande traguardo: per i residenti non è più obbligatorio l'uso della mascherina in pubblico per fronteggiare l'emergenza coronavirus. Secondo alcuni esperti anche l’obbligo al chiuso potrebbe essere revocato entro il prossimo mese grazie al drastico calo dei conteggi nel paese. l numero di persone attualmente gravemente ammalate a causa del Covid-19 si aggira in Israele intorno alle 200: a fine gennaio la cifra era di circa 1.200. Merito della campagna vaccinale: circa 5,3 milioni dei 9 milioni di abitanti del paese hanno ricevuto almeno una dose del vaccino Pfizer, soltanto un milione di israeliani di età superiore ai 16 anni ancora non è stato vaccinato. Gli esperti hanno avvertito che il paese non ha ancora raggiunto l'immunità di gregge, ma le ricadute sul Paese sono sotto gli occhi di tutti: la maggior parte delle scuole, ad esempio, sono state completamente riaperte.

Boom di vaccinazioni in Italia venerdì, arrivate 400mila dosi di Moderna
Intanto l’Italia resta lontana da questi scenari, ma la campagna ha avuto l’accelerata che le istituzioni si auguravano: in un solo giorno venerdì sono state effettuate 356 mila somministrazioni, record che il ministro della Salute Speranza prevede di superare nelle prossime settimane. Ieri sera all'hub nazionale di Pratica di Mare sono arrivate 400 mila dosi del vaccini Moderna, saranno distribuite alle Regioni da oggi. Finora quasi 10 milioni e mezzo di italiani hanno ricevuto almeno una dose, il 17,5% della popolazione. Soltanto 4,4 milioni anche il richiamo. In questa settimana la media di vaccini inoculati ogni 24 ore è stata di 291mila. In aumento, ma ancora lontana dalla quota 500mila vaccini al giorno fissata dal commissario all'emergenza Francesco Paolo Figliuolo. Sale di 102 unità pure il numero dei punti vaccinali presenti sul territorio che arrivano a quota 2276.

Fiammiferi di asparagi con aspretto di ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi