Napoli, anziana uccisa e fatta a pezzi: confessa il figlio

I resti della donna rinvenuti in un bustone dell’Ikea: il 47enne aveva problemi psichici

Un bustone blu abbandonato sul ciglio della strada, vicino una discarica, con dentro resti umani. Giorni di ricerche e interrogativi, forse risolti ieri. «Sono stato io». Poche parole,semplici, dirette. Così  Eduardo Chiarolanza, 47 anni, è crollato davanti agli inquirenti che cercavano di far luce sulla misteriosa sparizione della madre, Eleonora Di Vicino. L’anziana, 85enne, era scomparsa a fine agosto da Pianura, nella periferia occidentale di Napoli.

Dopo giorni di indagini, le attenzioni dei carabinieri si sono rivolte verso uno dei tre figli della donna, un 47enne con problemi psichiatrici. L’uomo aveva sempre negato di sapere cosa fosse accaduto alla mdre fino al pomeriggio di ieri, quando ha confessato durante un interrogatorio in caserma. Il dramma si sarebbe consumato al culmine di una lite tra i due avvenuta nell’abitazione di famiglia. Lo riferisce Il Messaggero. Chiarolanza si trova ora in stato di fermo.

La testimonianza del figlio ha permesso di risalire alla busta di Ikea, dentro la quale è avvenuta la macabra scoperta.Il ritrovamento è avvenuto nelle campagne tra Pianura e il comune di Marano. Altri resti del corpo sarebbero stati individuati nelle zone limitrofe, probabilmente trasportati da alcuni animali. Secondo gli inquirenti il borsone era lì da almeno una settimana.

A presentare la denuncia di scomparsa alle forze dell’ordine non erano stati i figli, ma una preside di una scuola del luogo che non aveva più notizie della donna da giorni.

Video del giorno

Calabria, il video del salvataggio di 339 migranti a bordo di un peschereccio

Torta di grano saraceno con mirtilli e mele

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi