Arbore: “Se ho chiesto a Mattarella di restare? Top secret, ma non sono un politico”

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella conferisce l’Ordine di Gran Croce a Renzo Arbore

L’artista nominato al Quirinale Cavaliere di Gran Croce. Il Presidente della Repubblica lo ha ringraziato: «I concerti che lei ha tenuto in giro per il mondo con l’Orchestra Italiana ci hanno portato un amore importantissimo»

ROMA. «Sono davvero felice di aver potuto consegnarle personalmente questa onorificenza che lei deve interpretare come un ringraziamento della Repubblica per tutto quello che ha fatto». Il presidente Mattarella ha salutato così, con un sorriso sotto la mascherina, Renzo Arbore che si congedava dopo aver ricevuto al Quirinale il riconoscimento di Cavaliere di Gran Croce. Lo showman è uscito dall’incontro visibilmente commosso, come raramente gli deve essere capitato in vita sua: per lui così bravo sempre a sdrammatizzare e a buttarla sullo scherzo, dev’essere stato un momento di emozione intensa, tanto che ha poi raccontato: «In tutta la mia vita ho venduto parole, per la prima volta non ne ho avute».

Dalle parole del Presidente, invece, sembra quasi che egli avesse temuto che gli ultimi impegni del Settennato gli impedissero di poter proclamare Cavaliere un personaggio del quale ha seguito da spettatore le gesta televisive. Si potrà dire, che Mattarella è un fan di Arbore? Lui stesso si è dichiarato un fedele seguace di «Quelli della notte» che illuminò le serate tv degli Ottanta e creò (come sempre quando c’è di mezzo Arbore) un nuovo linguaggio e una diversa comicità della quale non si è mai spenta l’eco.

Dopo la foto ricordo e la cerimonia, ci sono stati venti minuti di colloquio riservato, durante il quale l’ufficialità non sarà certo venuta meno: anche se pervasa di quella simpatia che Arbore riesce sempre a spandere intorno a sé. Non ha voluto dire se anche lui ha chiesto al Presidente di rimanere in carica («top secret, non sono un politico») ma ha confessato sia che la circostanza «mi ha fatto battere il cuore, e alla mia età è pericoloso», sia di aver detto al Presidente: «So che anche Giorgio Armani è Cavaliere come me. Mi fa piacere che mi trattiate come lui che è un grande uomo». Pare di capire sia toccato allo stesso Mattarella metterlo a proprio agio, toccando tasti particolarmente cari allo showman, su alcune delle sue mille esperienze: intanto il ruolo storico come testimonial della «Lega del filo d’oro», Fondazione italiana per i sordociechi, e poi l’ultima parte delle multiformi esperienze nello showbusiness.

«I concerti che lei ha tenuto in giro per il mondo con l’Orchestra Italiana, hanno portato all’Italia una simpatia e un amore importantissimi», gli ha detto Mattarella. «Spero di aver divertito gli italiani -ha detto lui - e anche di averli arricchiti un po’ non di soldi, ma di conoscenza». Tra l’altro, quella stessa Orchestra qualche anno fa aveva animato la festa che conclude i soggiorni estivi nella tenuta presidenziale di Castelporziano, e il Presidente anni fa aveva assistito a Palermo a uno dei concerti della lunghissima tournée della formazione: Arbore gli aveva nell’occasione dedicato una serenata siciliana. Insomma, una simpatia reciproca di lunga data.

Lo showman ha ricordato di esser già stato nominato Grand’Ufficiale dal presidente Scalfaro: «ma essere Cavaliere di Gran Croce è il premio più prestigioso. Però non un premio alla carriera, che continua». Si sa che, come a tutti i musicisti, gli costa moltissimo non poter proseguire il neverending tour con la sua Orchestra, a causa della pandemia in corso. E dedica il premio proprio «ai miei amici, compagni dell'Orchestra, anche perché sono due anni che non lavoriamo. Io devo tutto alla musica e voglio ricordare che tanto più in questo periodo di pandemia e di difficoltà è un grande balsamo, serve ad alleviare l'ansia, le preoccupazioni e la depressione».

Una giornata particolare, che ricorda come Renzo Arbore sia un raro patrimonio nazionale senza nemici. Il suo Facebook si è riempito di complimenti quando ha postato le foto del Quirinale, tutt’intorno è fiorita una gara a complimentarsi dell’onorificenza. Ha cominciato il ministro Franceschini, hanno proseguito la Presidente e il Direttore Generale della Rai. Ha twittato Manfredi il nuovo Sindaco di Napoli, città che per lo showman è una seconda patria dopo Foggia, oltre che un punto di riferimento artistico. 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Vasco Rossi in concerto a Trento: il ritorno live è un successo

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi