Giornata Mondiale dei Sogni

Perché sognare a occhi aperti ci migliora la vita

Photo by Eli DeFaria on Unsplash 
Secondo una ricerca di Harvard passiamo il 47% del nostro tempo da svegli a vagare con la mente. Ma questo non è un cattivo segno. Anzi, il "daydreaming" è un processo cognitivo ricco di vantaggi psicologici. Ne abbiamo parlato con Maria Claudia Biscione, psicologa e psicoterapeuta, in occasione della Giornata Mondiale dei Sogni che si celebra ogni 25 settembre
3 minuti di lettura

Fantasticare, liberare l’immaginazione e lasciarla andare a briglia sciolta per creare i nostri desideri, vederli messi in scena e confidare che un giorno possano diventare realtà. Anche se spesso “avere la testa fra le nuvole” viene vista come una distrazione poco utile e improduttiva per la nostra vita, in realtà sognare a occhi aperti è un’attività importante per la mente, che regala tanti benefici.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori