Alberi di Natale con gli abeti distrutti dal maltempo, molte richieste

Coldiretti ha deciso di prorogare la vendita fino ad esaurimento delle piante cadute sull'Altopiano di Asiago

PADOVA. Richieste al di sopra delle previsioni per gli alberi di Natale realizzati con gli abeti abbattuti dalla straordinaria ondata di maltempo che ha devastato i boschi del nord-est, per aiutare la ripresa dei territori feriti e regalare una seconda vita alle piante colpite lo scorso 29 Ottobre.

Lo rende noto la Coldiretti che insieme a Federforeste e Pefc ha deciso di prorogare la vendita fino ad esaurimento anche stamani nel mercato di Campagna Amica di Roma in via San Teodoro 74.

Si tratta di punte di abeti di dimensioni variabili dal 1,5 ai 2 metri caduti sull'Altopiano di Asiago, uno dei luoghi simbolo della devastazione, che la Coldiretti si è impegnata a rimuovere affinché nelle case degli italiani ci sia un albero di Natale della solidarietà.

Una scelta fatta - ricorda la Coldiretti - dalla stessa Presidenza della Repubblica che per il tramite dell'organismo di certificazione forestale Pefc e di Federforeste, ha ricevuto due abeti bianchi delle foreste del Veneto e della Provincia di Trento attraversate e distrutte dalla rovinosa tempesta da collocare al Palazzo del Quirinale e presso la tenuta di Castelporziano per il Natale 2018. «Una opportunità colta da molti cittadini - aggiunge la Coldiretti - per portare nelle case durante le feste con una offerta di 15 euro un simbolo concreto della solidarietà ed accompagnare la ripresa» ma anche «per far conoscere l'importanza di scegliere per Natale l'albero vero made in Italy che concilia il rispetto della tradizione con quello dell'ambiente, a differenza di quelli di plastica».

Carciofi crudi, pere e gorgonzola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi