Contenuto riservato agli abbonati

Covid, convegno a Venezia: pronti a nuove epidemie. Serve uno scudo vaccinale del 90 per cento

Simposio con Rezza, Brusaferro e Palù.  Zaia: studio sulla selezione naturale destinato ai negazionisti

VENEZIA. «I virus più insidiosi, quelli a trasmissione respiratoria, mutano costantemente e i cambiamenti climatici ne favoriscono la diffusione. Perciò prepariamoci alla prossima pandemia, una nuova emergenza rientra nell’ordine delle possibilità e non dovrà coglierci di sorpresa». È un viatico non propriamente allegro quello tracciato a Venezia da Giovanni Rezza, il direttore generale della Prevenzione sanitaria del ministero della Salute, relatore al convegno promosso dalla Regione e intitolato “La pandemia vista con gli occhi di.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori

Video del giorno

Un F-35 della Marina inglese non riesce a decollare dalla portaerei e si schianta in mare

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi