Paracetamolo in gravidanza, quanto è sicuro? Uno studio suggerisce cautela

Secondo uno studio appena pubblicato le modalità di assunzione dovrebbero essere riviste al più presto: solo sotto stretto controllo medico, alla dose efficace più bassa e per il minor tempo possibile. Ecco perché
2 minuti di lettura

Tra i pochi farmaci su cui sinora fanno affidamento le donne in gravidanza c'è il paracetamolo: un medicinale da banco, comunemente utilizzato per alleviare febbre e dolori di varia natura. Ma secondo un nuovo studio appena pubblicato su Nature Reviews Endocrinology, le modalità di assunzione dovrebbero essere riviste al più presto, raccomandandolo solo sotto stretto controllo medico, alla dose di efficacia più bassa e per il minor tempo possibile.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori