Perché mangiamo male e tanto: così il nostro cervello si relaziona al cibo

Meccanismi simili a quelli della dipendenza, tanto che si sperimenta un trattamento mirato ai circuiti della dopamina. Oggi giornata mondiale dell'alimentazione
5 minuti di lettura

È nel cervello che nasce il nostro rapporto distorto con il cibo. È quanto emerge da studi che sempre più spesso si concentrano sui meccanismi cerebrali alla base di sovrappeso e obesità. Come una recente ricerca spagnola pubblicata sulla rivista Cerebral Cortex, che avrebbe individuato nei cervelli di bambini obesi alterazioni simili a quelle riscontrate in chi soffre di disturbo ossessivo compulsivo.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori