Covid, terza dose: "Nessun vantaggio nell'alternare Moderna e Pfizer"

A molti per il booster è stato proposto un vaccino diverso rispetto alle prime due dosi. È vantaggioso o, viceversa, problematico? Non ci sono studi. Cauda: "Sono molto simili, la risposta immunitaria è identica per qualità e quantità"
2 minuti di lettura

Per la terza dose anti-Covid vengono somministrati solo vaccini a mRna. C'è qualche vantaggio nel combinarli? O viceversa, qualche problema? Il booster è più efficace se Moderna e Pfizer vengono alternati? Sono domande che molti si fanno, soprattutto nell'impossibilità di poter scegliere il vaccino.

"Sull'alternanza dei due vaccini a mRna non c'è uno studio che indichi un vantaggio, ma neanche uno svantaggio: fare una terza dose con Moderna dopo due con Pfizer e viceversa non presenta controindicazioni né per efficacia né per sicurezza", dice Roberto Cauda, direttore dell'unità Operativa Complessa Malattie Infettive dell'Ospedale Gemelli di Roma.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori