Covid, ecco perché Omicron non è solo un raffreddore

Covid, ecco perché Omicron non è solo un raffreddore
I 40mila operatori sanitari e 2 milioni e mezzo di italiani positivi in quarantena sperimentano sintomi importanti, attenuati dal vaccino. L'infettivologo Raffaele Bruno: "Tutte queste migliaia di contagi non sono una semplice costipazione"
4 minuti di lettura

Febbre, o sensazione di febbre, brividi, tosse, anche forte, mancanza di respiro o difficoltà a respirare, fatica (stanchezza), gola infiammata, naso che cola o chiuso, dolori muscolari, mal di testa, vomito e diarrea, soprattutto nei bambini.

I 40mila operatori sanitari ora a casa per Covid, al pari dei circa 2 milioni e mezzo di italiani in quarantena per lo stesso motivo, questi sintomi li stanno sperimentando anche con la variante Omicron.