Ciak, si incassa: il Veneto vuole sfruttare il business dei set dei film

Tom Cruise a Venezia per girare Mission Impossible

Siglata l'intesa tra Confturismo e Film Commission per valorizzare il territorio: promozione di location originali e agevolazioni per l’ospitalità di troupe, sognando di vivere “l’effetto Montalbano”

VENEZIA. Confturismo e la Veneto Film Commission insieme per la promozione del territorio Veneto. E se location come Venezia, ma pure Cortina e Verona, sono oramai mete consolidate per le troupe internazionali del cinema e della tivù, la regione ha tutto una galassia di potenziali location di grande impatto: dalle spiagge ai laghi, dalle montagne alle città d’arte e così via.

Veneto Film Commission, il sito ufficiale

E il cinema è uno strumento prezioso di promozione territoriale come raccontano, ad esempio le vicende televisive del Commissario Montalbano. Montalbano ha rivoluzionato l’intero sistema del turismo della Sicilia Centro Orientale con un incremento delle presenze turistiche del 48% nella sola Ragusa tra 2014 e 2016.

«Il Veneto, grazie soprattutto a Venezia, Verona e Cortina, ha già una storica presenza nelle programmazioni delle compagnie cinematografiche mondiali» afferma Marco Michielli, Presidente Confturismo Veneto (17mila imprese associate).

«Questo accordo confido ci possa consentire di ampliare la scelta delle location a tutto il territorio regionale confermando il nostro pensiero per cui il Veneto, unica regione europea che contempla in sé tutte le tipologie di territori, mare, lago, montagna, città d’arte e terme, possa ambire a divenire una delle prime scelte ad essere vagliate dalle produzioni. Inutile rimarcare che l’effetto indotto sarebbe straordinario».



Sarà proprio Confturismo il riferimento per il sistema dell’audiovisivo nazionale ed estero nella promozione e nella selezione di location e agevolazioni nell’ospitalità.

«In questa fase di enormi difficoltà per il turismo, settore trainante dell’economia veneta» aggiunge Luigi Bacialli, presidente della Fondazione Veneto Film Commission «sono certo che questo accordo accompagnerà già in un prossimo futuro il rilancio del comparto alberghiero e uno sviluppo impetuoso delle produzioni cinematografiche e dell’audiovisivo con un sodalizio che porterà alla valorizzazione di tutto il territorio». Un protocollo d’intesa benedetto anche dall’assessore regionale alla Cultura Cristiano Corazzari.

«La valorizzazione del patrimonio storico-artistico e paesaggistico, cuore di questo accordo siglato tra Confturismo e Veneto Film Commission, è tra i compiti della Fondazione e si muove in una direzione condivisa anche dalla Regione del Veneto» conclude Corazzari «Un accordo che sono certo contribuirà ad assicurare accoglienza e supporto alle produzioni italiane ed estere in una regione che è un “set” cinematografico ideale e che, grazie agli ultimi due bandi POR-FESR in cui sono stati messi a disposizione oltre 8 milioni di euro, rafforzerà la competitività delle imprese cinematografiche e culturali che operano nel nostro territorio, garantendo un aumento dell’indotto economico anche sotto il profilo occupazionale». —

Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi