Contenuto riservato agli abbonati

Zaia e il futuro: «Non punto alla segreteria della Lega. Per me è meglio allevare i cavalli»

Il presidente della Regione a Padova per la presentazione del suo libro “Ragioniamoci sopra” tra passato, presente e le sfide per il futuro

PADOVA. Scalzare Matteo Salvini e diventare il segretario della Lega oppure dire addio alla vita politica per dedicarsi all’allevamento degli adorati cavalli? Nell’alternativa ventilata tertium non datur e l’interpellato, Luca Zaia, rinuncia senza esitare alle acrobazie dialettiche: «I cavalli, tutta la vita. Io sono un amministratore, non possiedo le competenze politiche né le inclinazioni personali necessarie a dirigere un partito».

A conclusione di un dialogo vivace con il direttore del nostro giornale, Fabrizio Brancoli, il governatore conclude così la serata padovana dedicata alla presentazione del suo nuovo Ragioniamoci sopra.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori

Video del giorno

Il supercomputer più veloce del mondo di Meta-Facebook

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi