Contenuto riservato agli abbonati

In Veneto in arrivo i ristori per discoteche e teatri. Il timore dei gestori: «Non siano briciole»

L’interno del Muretto la sera del 30 ottobre scorso, giorno della riapertura

I fondi del governo (per il turismo) dovranno bastare. I titolari: calcolare la differenza fra i bilanci 2019 e 2020

JESOLO. Ristori in arrivo per le discoteche, ma le incognite sono due: quanto e quando. A deciderlo sarà il prossimo Consiglio dei ministri in programma la prossima settimana. I gestori dei locali chiedono che il Governo tenga in considerazione come parametro il fatturato 2019 e quello del 2020, calcolando i ristori sulla differenza. Il decreto emanato dal governo alla vigilia di Natale, con le chiusure dei locali della movida, infatti, ha assestato l’ultimo durissimo colpo a un settore già in estrema difficoltà dopo la pandemia.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Corriere delle Alpi la comunità dei lettori

Video del giorno

Adolescenti in crisi dopo due anni di isolamento, lo psicologo: "La pandemia passa, il trauma resta"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi