Ballan, lacrime per Scarponi: “Una giornata piena di emozioni”

Il Giro attraversa Filottrano, il paese di Scarponi

L’ex campione del mondo ricorda l’amico. “Girmay? Fortissimo. E vedrete quanti corridori arriveranno dall’Africa nei prossimi anni”

JESI. Alessandro Ballan, ex campione del mondo, di Castelfranco Veneto classe 1979, un mese di differenza con Michele Scarponi. «Io e Michele sin da juniores ci siamo sempre scornati. Alla Zalf tra gli under 23 abbiamo pure corso insieme. Era un grande rivale e grande amico, quando in gruppo ero triste andavo a fare due chiacchiere con lui e mi tornava il sorriso».
Come l’ha ricordato ieri?
«La pedalata della Mediolanum partiva da Filottrano: io e Paolo Bettini siamo andati a trovarlo in cimitero. Nel 2012 ebbi un incidente simile al suo, una settimana di coma, sono ancora qui. Lui non c’è più e ci manca».

Alessandro Ballan, ex camoione del mondo e testimonial Mediolanum

Ballan, di Girmay cosa ci dice?
«È fortissimo, avete visto con che potenza ha battuto Van der Poel?».
Arrivano anche gli africani. Vincere sarà ancor più dura per gli italiani.
«E ne arriveranno tanti, hanno caratteristiche fisiche come la resistenza fondamentali nel ciclismo. Se fanno come nella maratona...»

Il trionfo di Girmay a Jesi

Chi vincerà il Giro?
«È apertissimo, ci fossero Pogacar o Roglic sarebbe scontato. Vedo Carapaz, ma occhio a Bardet e Hindley».

a.simeoli@messaggeroveneto.it

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Vigo di Cadore, l'imponente frana vista dal drone di Veneto Strade

Risotto integrale al limone con crudo di gamberi e pomodorini al timo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi