Giro d’Italia 2023, dopo quarant’anni Udine è in prima fila per il gran finale

Giuseppe Saronni trionfa a Udine nel 1983: nel 2023 il remake?

REGGIO EMILIA. Venerdì prossimo il Giro d’Italia, incerto più che mai, sarà in Friuli per il suo terzultimo atto, la tappa Marano Lagunare-Castelmonte affascinante viaggio laguna-montagna attraverso mezzo Friuli, con capatina in Slovenia, che potrebbe risultare aperitivo indigesto al gran finale sulla Marmolada e a Verona.

Ma dalla carovana rosa, impegnata nella seconda settimana di corsa, e mercoledì 18 di tappa a Reggio Emilia, rimbalza una notizia clamorosa per il Friuli Venezia Giulia: l’edizione 2023 potrebbe concludersi a Udine.

Il condizionale è d’obbligo, ci mancherebbe, deve ancora assegnarsi questa maglia rosa, può accadere di tutto, specie quando si organizza un evento sportivo di caratura mondiale in un mondo che va a rotoli, ma molto porta in Friuli e in particolar modo a Udine che potrebbe così vivere un mese di maggio 2023 da capogiro.

Il patto Cainero-Fedriga

Ve l’avevamo anticipato già durante l’inverno di come patron Enzo Cainero, in stretto contatto con i vertici della Regione e in particolare il presidente Massimiliano Fedriga e il suo vice, capo della Protezione civile, Riccardo Riccardi, stesse lavorando forte sull’accoppiata tappa del Vajont-cronoscalata del Lussari, già di per sé roba epocale.

Ma dietro a questo c’è il colpo grosso, quello di far finire il Giro 2023 a Udine, 40 anni dopo il trionfo di Giuseppe Saronni dopo la cronometro entrata nella leggenda perché vinta da Roberto Visentini, con tanto di sponsor della sua Carrera che il giorno prima a Gorizia aveva tentato di far avvelenare con il Guttalax la maglia rosa.

I precedenti

Il 1983 era l’anno del millenario della città, il Giro d’Italia fu un grande omaggio al Friuli che stava rinascendo a tempo di record dal terremoto di sette anni prima.

Da quella edizione la corsa rosa si è conclusa in regione soltanto una volta, nel 2014, ancora per merito di Cainero: tappa dello Zoncolan sabato, con apoteosi per Nairo Quintana, Gemona-Trieste l’ultimo giorno con tanto di sorvolo sul golfo delle Frecce Tricolori.
Ora il ticket Fedriga-Cainero, che tiene anche i collegamenti col presidente del veneto Luca Zaia, tenta il bis.

Alpini-grande ciclismo

Che sarebbe clamoroso per la città di Udine. Calendario alla mano, infatti, dal 10 al 12 maggio prossimi la città, salvo colpi di scena viste le note vicende, ospiterà l’adunata nazionale degli alpini.

Nel frattempo il Giro d’Italia, probabilmente dall’Abruzzo (avvistato l’altro giorno sul Blockhaus il direttore del Giro Mauro Vegni mentre incontrava il presidente della Regione Marco Marsilio) il 6 maggio partirà per la sua edizione 106.

Se le trattative tra il patron delle tappe friulane, abbottonatissimo– no blindatissimo al massimo conferma il sogno di portare il giro al santuario tarvisiano – andassero per il verso giusto da mercoledì 24 maggio a domenica 28 la corsa rosa potrebbe gravitare a Nordest.

Lo stesso Vegni Vegni, oltre che sul Lussari, a fari spenti è già stato in città per parlarne a quattr’occhi con gli organizzatori friulani. Non va infatti sottovalutato lo sforzo cui sarebbe chiamata la macchina della Protezione civile con due grandi eventi da “accompagnare” nell’arco di due settimane, ma il gioco vale la candela perché il ritorno d’immagine, specie in questi difficili tempi post pandemia, sarebbe enorme.

Giugno, mese decisivo

C’è però una grande incognita. Se la tappa dell’omaggio al Vajont, con partenza dal piccolo comune del maniaghese tra i simboli del disastro di 59 anni fa, e arrivo a Longarone sembra blindata, non così è per la cronoscalata del Lussari, “logisticamente” parlando l’impresa più grande tentata da Cainero e il suo staff in questi vent’anni di abbuffate di Giro d’Italia a Nordest.

Al santuario, grazie a un impegno della Regione attraverso la Protezione civile, devono essere avviati quest’estate i lavori per la messa in sicurezza della strada che sale dalla Valsaisera teatro della seconda sfida perchè la prima sarà sulla ciclabile da Tarvisio.

Se entro un mese Rcs avrà avuto le garanzie necessarie che i lavori saranno completati entro l’inverno, allora anche il gran finale a Udine sarà in discesa. Non resta che aspettare, ricordando come nell’ultimo fine settimana del prossimo Giro potrebbe inserirsi anche un tappone dolomitico e come Buja, a questo punto, sia la grande favorita per ospitare la partenza dell’ultima tappa-passerella di Udine.

L’attesa del sindaco

E il Comune di Udine? Attende, e incrocia le dita. Anche perché, per non farsi mancar nulla, in città la prossima sarà anche una primavera di elezioni amministrative. A proposito, praticamente all’indomani del suo insediamento 4 anni fa, infatti, il sindaco Pietro Fontanini, chiese a Cainero con una lettera ufficiale di riportare il Giro d’Italia a Udine.

L’arrivo della corsa rosa femminile in castello nel 2019 e la partenza della tappa poi conclusa a San Daniele nell’edizione di ottobre 2020 della corsa maschile, potrebbero essere stati solo un antipasto.

«Ottenessimo anche l’arrivo del prossimo Giro sarebbe un grande risultato – ci ha detto Fontanini –. Il ciclismo è un grande veicolo di promozione dell’immagine del territorio, e Udine è una città a grande tradizione sportiva. Ci credo eccome e aspetto buone notizie».

Sarebbe un regalo anche per la nuova amministrazione comunale. «Certo – spiega Fontanini – e chissà che non lo faccia anche a me stesso». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Vigo di Cadore, l'imponente frana vista dal drone di Veneto Strade

Risotto integrale al limone con crudo di gamberi e pomodorini al timo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi