Belluno, Lahti è già arruolato «In Finlandia la serie A è ferma e sono felice di dare una mano»

L’allenamento di Timi Lahti ieri sotto la nevicata

Per il difensore possibile debutto già domani contro il San Donà La partita non sembra essere a rischio, anche se è mevicato

 BELLUNO. Timidamente... Timi Lahti. Il ventenne difensore finlandese si è ripresentato a Belluno con la solita discrezione. E' sempre lui, anche dopo un campionato di serie A con l'Haka Valkeakoski e tre presenze nella Nazionale Under 21: due partite e altrettante vittorie con la Bielorussia e una con il Lussemburgo, che non è andata proprio benissimo, ma può capitare. I prossimi tre mesi in gialloblù (fino ad aprile), per tentare un'altra operazione salvezza, prima di tornare in patria e giocare un'altra stagione nel massimo campionato. Il contratto c'è già. Firmato e depositato.  E adesso... gialloblù: «Sono molto contento di essere tornato. Adesso in Finlandia il campionato è fermo e, siccome ho visto che il Belluno non sta andando bene, ho accettato la sua proposta. Quando la società mi ha chiamato, sono salito sul primo volo e spero di poter giocare il prima possibile». In piazzale, parlano della prima di ritorno, ma hai visto mai...  La stagione scandinava. Il difensore ha fatto bene, altrimenti il cittì della Nazionale non l'avrebbe chiamato: «Ho giocato molte partite da titolare con l'Haka e, alla fine, siamo arrivati ottavi. Un buon campionato, anche se non ci siamo qualificati per niente: la prima classificata gioca i preliminari di Champions e seconda e terza quelli di Europa League. Ad ogni modo, siamo molto soddisfatti di come è andata».  I vecchi amici. Se n'era andato con una delle più grandi gioie calcistiche della sua ancora breve carriera: la salvezza matematica, dopo la vittoria di Palazzolo sull'Oglio: «Mi fa piacere rivedere alcuni vecchi amici: Armenise, Mele, Mosca, i Miniati... L'ideale sarebbe salvarci di nuovo. Peccato che io non possa rimanere fino al termine del campionato, d'altro canto ad aprile mi toccherà tornare in Finlandia, perché ricomincia il campionato. Intanto, sono pronto a giocare: mi sono sempre allenato».  Neve a San Donà. La nevicata ha colpito anche la pianura. Fiocchi a San Donà, dove il prato è bianco. L'arbitro sarà Guidi di Imola.  Andretta a Sacile. Stefano Andretta aveva una soluzione di riserva alla panca del Belluno. Quella della Sacilese Berretti.
Video del giorno

Maltempo nel Comasco, torrente esonda a Cernobbio e travolge auto: motociclista in fuga dall'ondata

Gazpacho di anguria, datterini e fragole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi