Axel Bassani a Jerez va a caccia del risultato

Il giovane feltrino può finalmente correre su un circuito noto. «Ma sarà dura perché tutti provano qui, con l’esperienza spero di crescere»

JEREZ. Dopo la pausa di due settimane, torna il motomondiale, stavolta destinazione Spagna, Jerez de la Frontera. Dopo le gare in Argentina e Texas, che hanno visto Axel Bassani piazzarsi in ultima posizione, il pilota feltrino cerca riscatto in una pista conosciuta. Questa mattina il pilota di Seren del Grappa, classe 1999, sarà impegnato in sella alla sua Speed Up SF7 alle 10.55 per le fp1 mentre alle 15.05 per le fp2. Domani affronterà le fp3, le fp4 e le qualifiche, stessi orari di oggi. Domenica alle 9.10 ci sarà il warm up mentre alle 12.20 si correrà la gara.

«Conosco già questa pista ma credo che sarà quasi più dura delle prime due gare - spiega Axel Bassani - Tutti conoscono bene il tracciato perché ci girano per i test invernali. Jerez è un gran premio abbastanza duro ma la pista la conosco già e speriamo di migliorare il risultato. I punti difficili sono molti. Non è semplice andare forte in molte percorrenze. Avendo già fatto qui alcuni test spero però che la moto si adatti subito alla pista». Bassani analizza le difficoltà incontrate finora. «Sapevamo che sarebbe stata dura, volevamo fare meglio ma bisogna anche fare esperienza. È dura cambiare categoria perché cambiano gli avversari, la moto, il team e i circuiti. È difficile abituarsi ma un po’ alla volta cercheremo di crescere e fare il meglio possibile».

Axel racconta cosa è successo nelle prime due gare. «In Argentina sinceramente speravo di fare qualcosa in più in gara ma abbiamo avuto qualche problemino sulla moto. Era la prima gara e ci può stare. Ad Austin abbiamo fatto fatica tutto il week end nel trovare l’assetto giusto. Non riuscivamo ad andarci fuori, poi siamo migliorati in gara trovando il passo ma ormai era troppo tardi. Sono stato però abbastanza contento nonostante tutto».

Franco Morbidelli ha vinto le prime tre gare in Moto 2 e sembra il favorito per la vittoria del mondiale. «In questo momento Morbidelli è uno scalino sopra tutti anche se ci sono piloti che potranno insidiarlo nell’arco della stagione tra cui Nakagami, Marquez e Luthi».

Banana bread al cioccolato

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi